WarDrome Blog

Giocare a wardrome usando una sintesi vocale – Parte seconda

Questo articolo prosegue il precedente Giocare a wardrome usando una sintesi vocale

2

 

 

 

Sistema stellare e comandi di flotta

In questo secondo capitolo tratteremo la parte centrale della plancia di comando; approfondiremo i meccanismi di orientamento, il navigatore per tracciare le rotte, le risorse ed infine i comandi di flotta per le navi in nostro possesso presenti nel sistema.

Sistema stellare #441521 Secunda ACQUARIUS VI (1 Orbite disponibili) [Aeron:258x1e1 (131:320)]

Come interpretare questa stringa?

Esaminiamola in segmenti cominciando dalla prima parte:    Sistema stellare #441521

Questa prima parte indica le coordinate specifiche di un sistema stellare, può essere usato inserendo la cifra nella casella di testo del navigatore per tracciare la rotta da seguire per raggiungerlo.

La capacità del navigatore di tracciare rotte aumenta man mano che si alzerà il livello di navigazione della nave al comando.

Vi basterà attivare il link del nome di una qualsiasi nave che possedete per aprire la tabella equipaggio con tutte le sezioni addestrabili: ne parleremo ampiamente pių avanti, nella parte dedicata alle navi ed ai comandi di flotta.

Secunda ACQUARIUS VI invece c’è il nome dato al settore, per il momento potete tranquillamente tralasciarlo.

5 orbite disponibili:  Le orbite disponibili all’interno di un sistema stellare indicano quanti pianeti possono essere generati al suo interno.

Ricordate sempre di impostare i caccia dei pianeti su ostili se non volete dare piena visibilità del sistema ad eventuali nemici. Ricordate inoltre, se decidete di popolare i pianeti con dei coloni, nella sezione lavoro potrete aumentare i coloni addetti alla produzione di cibo; ogni notte all’una i coloni che non lavorano si riproducono quindi, aumentando la popolazione aumenterà anche la richiesta di cibo.

[Aeron:258x1e1 (131:320)]:  la parte subito dopo la parola aeron può essere ignorata, il valore numerico che ci interessa è l’ultima coppia di numeri; nel nostro esempio sono per l’appunto (131:320) Per darvi un’idea comprensibile di cosa sono gli aeron proviamo a prendere come punto di riferimento una scacchiera.

Facciamo conto che la scacchiera rappresenti l’intera galassia ed ogni sua casella sia un’aeron o quadrante della galassia; al suo interno troveremo i vari sistemi stellari che compongono il suddetto aeron.

Così come possiamo mappare una scacchiera per orientarci al suo interno la stessa cosa è possibile con la mappa della galassia.

Prendiamo come punto di partenza il primo quadrante della nostra mappa/scacchiera, quello in alto a sinistra, a questo aeron diamo la coordinata 1 : 1. Il primo valore rappresenta l’asse orizzontale della mappa, quindi per incrementarlo dovremo spostarci verso ore 3, o est.

Il secondo numero rappresenta l’asse verticale, quindi per incrementarlo dovremmo seguire la rotta verso ore 6 o sud.

Capito questo concetto riuscirete facilmente a localizzare e raggiungere qualunque sistema stellare utilizzando il link ingrandimento mappa e il pulsante localizza; tratteremo meglio quest’argomento nei capitoli successivi.

Dopo le info sul sistema troveremo la sezione dedicata alle rotte percorribili dal punto in cui ci si trova; potremmo trovare ad esempio rotte disponibili – 2324, a ore 2 – 8235, a ore 4 – 52102, a ore 9.

Vi verrà letto il link rappresentato dal valore numerico del sistema collegato al vostro e vi leggerā la direzione in cui si trova rappresentata dall’orientamento ad orologio; quindi ore 12 nord, ore 6 si torna indietro a sud, ore 3 verso est e 9 verso ovest.

Seguono i comandi del navigatore rappresentati da una casella di testo e da un pulsante denominato calcola.

Per tracciare una rotta basterà inserire il valore numerico del sistema bersaglio nel campo di testo e premere su calcola.

Verrà aggiunta una stringa testuale subito dopo il pulsante con scritto la distanza in salti ed il link con la coordinata da seguire: (per procedere con il navigatore basterà premere ogni volta invio sulla coordinata linkata dopo il pulsante calcola).

Nel caso abbiate montato sulla nave al comando il pilota automatico troverete anche il link PLAY per avviare la guida in autonomia fino a destinazione.

Se attivato il pilota automatico scorrerà i sistemi tracciati dal navigatore in autonomia, dovrete solo aspettare qualche secondo o giusto un minuto, dipende dalla distanza; in seguito verificate il nome del sistema in cui vi trovate, se coincide con il bersaglio siete arrivati… in caso contrario siete ancora in viaggio e dovrete attendere ancora qualche secondo prima di raggiungere la destinazione specificata nel navigatore.

Risorse del sistema: Appena superato il navigatore troverete per l’appunto le risorse estraibili dal sistema; potrete scavare metallo, carburante, antimateria e spezia. Le risorse perō non sono infinite, infatti dopo ogni grafico delle risorse troverete un valore numerico che rappresenta l’ammontare di quella data risorsa presente nel sistema; se la cifra raggiungerā lo 0 le risorse saranno esaurite e dovrete andare a scavare da un’altra parte. Subito dopo l’ammontare troviamo i link scava con la nave e con la flotta; questi due comandi servono per dare l’ordine di estrazione alla singola nave al comando oppure all’intera flotta.

Per scavare la spezia serve una nave specifica; tratteremo meglio l’argomento spezia in seguito.

Comandi di flotta e per la singola nave.

In questo paragrafo tratteremo i comandi che si possono impartire alla singola nave ed anche alla flotta per intero.

I comandi per creare una flotta sono localizzati nella parte centrale della plancia, sotto le risorse del sistema ed i pianeti se presenti: troveremo una stringa che indica l’ammontare di tutte le nostre navi presenti in quel sistema stellare e subito sotto la casella di testo dove possiamo specificare un numero di flotta oppure 0 se dobbiamo rimuovere una o più navi.

Il link inverti selezione serve per selezionare o deselezionare tutte le navi del sistema, compresa quella al comando, così da poter confermare un’ordine per l’intera flotta in una volta sola.

Subito dopo troveremo la casella di controllo o interruttore, per selezionare o meno anche la nave al comando all’ordine che si sta per impartire.

Il pulsante esegui impartisce l’ordine e lo trasmette a tutte le navi del sistema.

Per inserire tutte le navi presenti nel sistema in un’unica flotta basterà spostarsi sulla casella di testo corrispettiva utilizzando i comandi della propria sintesi visti nel capitolo 1 ed inserire un valore numerico ad esempio inseriamo 1: ci spostiamo al link successivo, inverti selezione e premiamo invio; avremo selezionato tutte le navi all’interno del sistema.

Spostiamoci sul pulsante esegui e con invio confermiamo l’ordine:

Una stringa testuale di conferma compare nella riga sopra i comandi di flotta.

Al di sotto dei comandi di flotta troviamo il link adibito al cambio di vista per le proprie navi, le opzioni sono 2, vista sommario ed estesa.

Di base viene attivata la vista estesa, io vi consiglio di tenere la vista sommario per ridurre e velocizzare la consultazione della pagina passando a quella estesa quando serve, come ad esempio quando dovete addestrare le sezioni delle vostre navi o anche quando volete passare al comando di un’altra nave o se dovete trasferire dei materiai da una nave all’altra.

Nella visualizzazione completa infatti ogni singola nave ha a disposizione alcune opzioni: appena prima del link con il nome della nave troviamo una casella di controllo o interruttore; attivandola o disattivandola includeremo o meno la nave nell’ordine di flotta.

Il link nome nave serve per aprire il pannello equipaggio dove potrete esaminare la tabella delle sezioni ed avviare gli addestramenti. nota bene: i link super addestramenti non richiedono conferma quindi, se hai del premium a disposizione assicurati di essere nel link addestramento e non super addestramento prima di confermare con invio.

Se al contrario non si ha a disposizione del premium verrete avvisati da un popup; lo potrete chiudere utilizzando il primo link non etichettato che trovate a inizio pagina (potete etichettare i link dei popup con la stringa “chiudi avviso” come abbiamo visto nel capitolo 1).

Continuando con le opzioni per la singola nave, dopo il link nome troviamo comanda; confermando su questo link si passerà al comando della nave scelta.

Il link carica invece vi porterà nel pannello stive raggiungibile spostandosi alla prima intestazione.

La tabella che trovate sotto è molto semplice, ci sono 3 colonne la prima rappresenta i materiali stivati la seconda contiene tutti i campi di testo riferiti alla nave al comando la terza invece contiene i campi di testo riferiti alla nave selezionata: modificando i valori che trovate nelle caselle di testo potrete spostare il carico da una nave all’altra.

Facciamo un’esempio: nella nostra nave al comando troviamo stivate 1000 unitā di metallo; nella tabella stive verrà rappresentato comė metallo, casella di testo 1000, casella di testo 0, se vogliamo trasferire il carico dalla nostra nave a quella scelta basterà scrivere 0 nella prima casella di testo ed il numero comparirā scritto nell’altra; confermando con il pulsante trasferisci eseguiremo l’operazione.

Per concludere su alcune navi potrete trovare il link “pattuglia” subito dopo i 2 link sopra citati. Questa funzione, al costo di 1 energia ogni 20 miinuti difenderā il sistema e le vostre navi da eventuali minacce. Nota bene, per disattivare la modalità pattuglia da una nave bisogna fare invio sul link normale che compare dopo il link carica, al posto appunto di pattuglia. Anche in questo caso si aprirà una finestrella di conferma da chiudere usando il primo link della pagina.

Alcuni tipi di nave, come ad esempio la carpenter sono dotate di funzioni specifiche come quella di poter riparare uno spazioporto consumando energia e il metallo stivato nella flotta.

Vi rimando all’esplicativo ed accessibilissimo manuale online di wardrome per approfondire il discorso.

Questo secondo capitolo si conclude quė, spero di essere stato troppo logorroico!

Alla prossima.

Baran

VAI ALLA PARTE TERZA

 

3 pensieri su “Giocare a wardrome usando una sintesi vocale – Parte seconda

  1. Pingback: Giocare a wardrome usando una sintesi vocale, parte terza. – WarDrome Blog

  2. Pingback: Giocare a wardrome usando una sintesi vocale, parte quarta. – WarDrome Blog

  3. Pingback: Giocare a wardrome usando una sintesi vocale – WarDrome Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optionally add an image (JPEG only)

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close